venerdì 15 agosto 2014

Caccia al tesoro di Ferragosto con Strega Ordinella!!!

Eccomi qua con un regalissimo per voi! 

(Già che mi dovevo allenare con la colorazione digitale e il programma Gimp (che è una specie di photoshop, ma più incasinato!) e già che sono a casa, mi sono divertita a creare queste due pagine sensazionali! No, dai, non esageriamo... ma nemmeno le definirei disastrose, hanno un loro potenziale.) 

E ora cimentatevi nei giochi e nei quiz della caccia al tesoro!!! Forza, vediamo chi è più veloce a dare le risposte, fate le squadre, prendete un foglietto e via, non serve altro!





Naturalmente tutto partiva dai disegni a pennarello, su carta da fotocopia.



mercoledì 13 agosto 2014

Fatemi compagnia


Sarò una gran secchiona, lo ammetto, ma ho voluto salvare tutti gli articoli del corso di fumetto. Erano davvero tanti, e copiare tutto è stata una faticaccia. Vi ho già raccontato cosa è successo ai file già preparati man mano che seguivo il corso negli anni: il computer si è rotto, è stato svuotato mentre il backup (l'avevo fatto, diligentemente) era su un cd, e il mio vecchio computerino hp Pavillion da un po' di tempo non accetta più i dischi, li sputa letteralmente! E così tutto da rifare, ma ne valeva la pena!



Ho già parlato tante volte di questo corso, perché mi ci sono trovata davvero bene, come in una famiglia.


............................................................................................................................

l'ho incorniciato, eheh 

Ne ho parlato qui, nel post "Imparando il fumetto", ci sono le domande che ho fatto al prof, che poi sono servite da spunto per le lezioni (molto aula di scuola, molto imbarazzo anche, ahah), poi alcune considerazioni nostalgiche, già da allora, perché è da parecchio tempo che il sito è fermo, congelato, disabitato... qualche estratto dal post:


"Ricordo come mi esaltarono i primi amici: non avevo aperto ancora facebook per cui erano proprio i primissimi utenti lontani con cui parlavo! Era magico e più stavo al computer, più diventava una droga..."

"Credo che troppa gente si dimentichi dei prof... io per esempio non sono mai andata a trovarli dopo aver finito la scuola, mentre molti se ne ricordano. E' così ipocrita. Li odi per cinque anni e poi ... tante feste! Assurdo."

Lucca 2013
............................................................................................................................

A scuola, ai tempi, prevaleva la competizione, l'odio... invece ora che sono grande l'ho presa in modo molto più tranquillo, senza fare le gare a chi faceva meglio, ero solo lì per imparare e chiedere chiarimenti. Ammetto che col mood da guerra avrei combinato di più, però l'ho presa come un gioco, un hobby ed è stata per questo motivo una esperienza emotiva molto forte, un gruppo di amici. Davvero bello. 

Il mood da guerra, la competitività arriva adesso. E' da un po' che ci penso, e che me lo dicono! Devo affilare le unghie e farlo sul serio, questo lavoro! Non è più un hobby a tempo perso, posso fare cose valide e merita impegno e determinazione, dedizione e amore. Anche cattiveria, competitività, quel modo di fare battagliero dei tempi delle medie e delle superiori, quando l'otto non bastava, quando puntavo a essere la migliore della classe. E ci riuscivo, a parimerito, ma ci riuscivo! Eravamo tante tigri battagliere, bei tempi. Chissà se ho ancora un po' di quella grinta... 

............................................................................................................................


Invece l'articolo dove parlo del nuovo modo di intendere il mio lavoro è "Basta con l'arteterapia" . E' stato un mio caro amico a spronarmi a prendere finalmente sul serio questa cosa. 

E' bello giocare, è bello non prendere rischi, ma se si ha tra le mani qualcosa di interessante e strutturato, vale la pena provare a confezionarlo nel modo giusto. 
Poi se ci riuscirò, lo vedremo alla fine. Però devo provarci, ho detto troppe volte: "No, non è il caso, sono solo una principiante...". Voi intanto fate il tifo per me, eh? La pagina facebook è lì che vi aspetta, i vostri like e i vostri commenti! Dreamer: Storie e fumetti  è la mia bella pagina facebook, ora ha 152 mi piace. Mentre questo blog conta oltre 44mila visualizzazioni... significa che qualcuno (sì, dico a te) non è ancora passato a mettere il suo "mi piace". Coraggio, dai!


............................................................................................................................

Vado a curiosare nelle lezioni di grafica, fotografia digitale, manga... chissà che non ci sia qualcosa di utile! Fatemi compagnia che sarà noioso, copia e incolla, uffa, e ricopia e rincolla! Riuffa!!! 

Potete colorare questo disegno estivo:


So che non ho tempo da perdere, ma quando lavoro al computer mi scappa sempre di scarabocchiare qualcosa! I miei disegni direttamente a penna, con il tratto pen per la precisione, che non consentono il minimo margine di errore! Ma me la cavo bene, non ho sbagliato niente :)

E' l'unico modo di avere una linea precisa, fresca, netta, decisa. A ripassare non sono capace.


Ed ecco lo stesso disegno colorato, grazie alla collaborazione di mia figlia (è una sua idea il "ricordino" nel costumino del bimbo! Che scema), incorniciato da alcuni personaggi della favola di Strega Ordinella 


............................................................................................................................

Un accenno alle notizie del momento. Anche se in tv si parla soprattutto di guerra, è Robin Williams l'argomento preferito dal web. Era un grande artista, anche se non il mio preferito. Ho scritto qualcosa ieri sera in proposito, se vi va il mio pensierino lo metto qui in chiusura. Però ci tenevo a farvi vedere soprattutto questo primo tweet, geniale!!! Ciao e a presto!!! 
(questa è un classico, ci sta sempre bene!!!)


............................................................................................................................

In chiusura (ma appunto potete saltarla) una mia considerazione di stanotte, un po' triste, sugli artisti. 

Lo sapevo da ieri sera, della morte di Robin Williams, ma che devo dire? L'ho adorato in Mork e Mindy, poi l'ho seguito poco. Avevano dato un film sulla sua vita, credo l'anno scorso, relativo all'epoca di nanonano. Il successo improvviso, la sua ingestibilità di artista esplosivo, ma ne era uscito già lì un personaggio contrastato, con dipendenze e ombre. Per cui non mi stupisce il suo lato oscuro, lo sapevo già. Consolazione: ogni artista è pazzo, sensibile e debole nei confronti di un mondo che gli altri, la gente comune, affrontano con tanta facilità ... Lui era un vero Artista, non voglio certo paragonarmi, volevo solo osservare per l'ennesima volta che l'entertainment è nel sangue, il bisogno di fare qualcosa per un pubblico, dalle pagliacciate tra amici fino alla comicità "seria" e professionale, dalle storielle-pettegolezzo ai grandi romanzi, dai disegnini-caricatura per fare arrabbiare il più permaloso della comitiva fino a illustrazioni, fumetti, dipinti, e via dicendo... il talento poi determina il valore, la qualità; di base però tutti gli artisti hanno (abbiamo) uno squarcio, un vuoto, che va riempito di complimenti, stima, recensioni positive, premi, qualsiasi cosa che possa dire "tu vali, tu comunichi, tu diverti, tu stupisci, tu hai inventato qualcosa che non c'era, tu lo dici come avrei voluto dirlo io, tu arrivi al cuore, alle emozioni, tu sei proprio forte"... E l'ho provato, molto molto in piccolo. Essere dreamer mi inebriava, ero dipendente dai commenti, dai complimenti, era fame di successo! Poi quando finisce è dura, certo non era un grande shock, va in proporzione a dove sei arrivato  Chi ci arriva, alla vetta, ha una fame di successo, di averne di più, di non perdere quello raggiunto, che la pressione ti schiaccia. Posso capire quindi alcol e droga, è inevitabile. La storia di Marilyn è la stessa, una gran fragilità. L'artista è sensibile per definizione, serve sensibilità per appassionarsi a cose strane (e difficili da padroneggiare) come i colori, il tono della voce, le note musicali... e se anche la gente fruisce costantemente del prodotto delle fatiche di migliaia di artisti, del loro genio, del loro osare linguaggi nuovi, sperimentare, cercare cose belle e nuove da proporre... poi non risparmia mai le critiche, il disprezzo, sulla personalità, sul carattere, sulle debolezze, sulla stranezza, la pazzia. Questo è scorretto.

domenica 10 agosto 2014

Disegni a non finire!!!


Come vi dicevo, chiude un sito che era il riferimento di tutta la mia vita in rete, aprivo solo quello ed ero felice... ma devo sloggiare, mi porto via tutto (anzi hanno ancora il diritto di usare gli obbrobri per eventuali sputtanamenti editoriali-mediatici ma era una condizione del gioco!) e c'è anche molta fretta!!!
Intanto che copio lezioni e esercizi...

Una rassegna dei miei disegni che presto spariranno dal sito De Agostini... quattro anni e mezzo di arte!!! Quanto mi dispiace, una vetrina che sparisce. Dovrò crearne qui una ancora migliore ;) Vedrete che bello. 


















ecc. ecc. 

Questi sono del 2010, all'inizio del mio percorso, quando iniziavo ad aprire i primi libri. E poi c'è stato tutto il mio lungo percorso, che vedrete le prossime volte. Ciao, buon gelato e buona abbronzatura!!!!




Domenica con voi!

Non mi scoccia, tranquilli. Anzi è un piacere! Oggi qui a Gradara, sulla riviera romagnola fa parecchio caldo. C'è un pochino di vento, ma si schioppa!!! 

Per chi non conoscesse la mia città, ecco una bella foto, anzi due, da facebook, dalla pagina di "Gradara, capitale del medioevo" (link). In questi giorni tra l'altro c'è una bella manifestazione fantasy, "Magic Castle", con draghi e fate e magia a profusione!



Il drago di Magic Castle (special guest il mio sindaco!)

Gradara, provincia di Pesaro e Urbino, Italy   - foto da facebook

E allora è ancora presto, adesso che sono le 4 del pomeriggio, per passeggiare sotto il sole cocente. Ho ancora la testa che frigge da stamattina, che sono andata a camminare in campagna, qui attorno a casa! Scottava davvero tanto, e poi mio marito aveva un passo così veloce che non me la sono nemmeno goduta come volevo, a me piace guardare in giro, soffermarmi sui particolari, guardare le farfalle o un papavero che spunta solitario in mezzo a un campo di terra appena arata! Che romantica, vero? 


*
Campagna  

- La frazione di Gradara dove abito -

La volta scorsa infatti mi sono portata il tablet e ho fatto delle foto molto carine (e ho incontrato un paio di fustacci che volevano darmi un passaggio!!!) durante tutto il percorso. Quanto mi piace fotografare, e più me lo impediscono, più lo faccio! Non so perché, ma sia mio marito che mio padre non sopportano (sopportavano nel caso del mio papi) che io facessi foto, è un'espressione artistica molto nobile eppure la reputano una stupidata, una cosa di cui vergognarsi, da non fare quando la gente vede... bah, punti di vista. 


*
da un giro in auto, zona industriale che si fonde con le campagne, sullo sfondo la collina della Serra... c'è anche un cane molto carino lì dietro alla ringhiera, chissà come si chiama :)

Io adoro letteralmente fotografare!!! E prima o poi, quando potrò farlo con tranquillità e senza l'ansia di sentir brontolare, probabilmente realizzerò delle foto fantastiche!!! Ci vuole pazienza, fortuna, dedizione. 
*
Le ho caricate sul mio facebook, dovrei cercarle perché non le ho raggruppate in un album apposito. E non ho il tablet per prenderle lì, uffa, che disorganizzazioneee!!!
C'è comunque un album molto carino, che trovate qui "Vita quotidiana, giretti qui attorno" (link), dei giorni della Notte Rosa. 
*
Gabicce Mare, monumento ai caduti del mare

Ve ne metto giusto un paio perchè sapete che il mio compito urgente è salvare le lezioni del corso di fumetto artcafé (che le avevo già sul dischetto, ma il computer i dischi adesso li sputa! Vuole solo la chiavetta, il viziato) con le quali poi questo inverno potrò imbastire qualche interessante lezione di fumetto. 


*
Rocca di Gradara

Come vedete, il blog è un cantiere, lavori in corso in ogni pagina, ma devo pure dargli una struttura prima di riempirlo. Fa brutto vederla vuota, ma sappiate che sono quelli gli argomenti di cui parlerà, e sarà un appuntamento fisso e serio, al quale dedicherò molto più tempo. Resteranno post colloquiali come questo, ma ci sarà anche molto contenuto, cose da ripassare insieme, argomenti di cui parlare, i miei lavori saranno finiti e potrete scaricarli. 

Pensieri vari: 

Adoro il mare e la spiaggia!!! Sarebbe tutto qui, 

a 5 minuti di macchina, tutto l'anno, 

e questa stronza di malattia mi ci tiene lontano!!! 

È assurdo avere il paradiso a portata di mano e non poterlo toccare... 

Intanto oggi ho vinto io: me lo sono fatto, il mio piccolo giretto al mare, in moto,

 e senza cadere!!! Come prima volta da passeggera non c'è male, 

credevo di venire sbalzata via! Bello!!! 

E poi si sa come andrà, il tempo di desiderare veramente qualcosa... 

e il destino rovina tutto. Ma non mi arrendo :) Mai. 

Almeno adesso me la gioco, non rinuncio più in partenza, 

non mi rassegno più a non vivere. Ora che so quanto può essere bella la vita, 

la rincorrerò senza sosta. 

(pensieri serali... sono felice, sto combattendo e intanto la vita 

mi regala esperienze bellissime, mi piace pensare che andrà sempre meglio)

Ecco quindi (ho iniziato un po' sopra a inserirle, mix, quelle con l'asterisco *, sennò che palla leggere un testo così lungo!) le foto delle campagne marchigiano-romagnole, dove Gradara confina con Gabicce, Cattolica e San Giovanni in Marignano... qui scorre il fiume Tavollo, non vi dice niente ma conoscete sicuramente Tavullia, città natale di Valentino Rossi. Ebbene, anche Tavullia confina con Gradara, e la somiglianza del nome con Tavollo li fa risalire ad una origine comune. Che non conosco ma la cercherò perchè sennò stanotte non dormo, con questo pensiero!!! Ahaha
*
Campagna attorno a casa

*
Pensierino di ieri sera:

Buonanotte!!! Anche sfogliare le lezioni del corso di fumetto è stato emozionante:

 nostalgia, ma anche felicità per quello che mi ha dato, una nuova dimensione,

 una nuova possibilità di essere me, altra gente, posto, competenze, obiettivi... 

oh, se mi serviva! Fantastico.

La ricerca delle foto nell'album generico di facebook "caricamenti dal cellulare" mi fa incontrare tante altre foto carine (che vi sto proponendo) ma vorrei farvele vedere tutte! Sì, potete guardarle, infatti sono pubbliche quasi tutte. Forse dal registro attività? Ecco perché mi servono le stanze di Pisolone, devo archiviare queste foto in un modo pratico e facile!!! Un altro lavoro per l'inverno, iniziato - lo ricorderete - l'anno scorso a Natale con l'inaugurazione delle Gallerie. Va solo riempito, con tanta pazienza!!!

Sapete cosa sto guardando ultimamente in tv? Il canale Fine Living, mi piace molto, quando parlano di case, restauri, arredamento... l'adoro!!! E poi gli altri reality vecchi sulle aste, i banchi dei pegni, i sepolti in casa, le ossessioni, guardo quasi tutto!

E poi perdo tanto tempo su facebook, dove vi consiglio vivamente "Io ti maledico" (link), è divertentissimo! A volte geniale.


Ci sono state giornate pessime, perchè sto ancora male, tuttavia le ho sopportate bene, sono contenta.

Altra giornata persa... però mi sento riposata. 

Questo mese è stato sensazionale: esplorazioni, eventi, novità, emozioni... 

dovevo pur riprendermi — guardandoAffari in valigia.

E adesso devo proprio salutarvi, volevo raccontarvi di più ma mi sto squagliando letteralmente sopra la tastiera!!! Bacioni

*

 * 
A presto, buona spiaggia!!!

* fotografie /disegni/ grafica by Nadia Semprini Dreamer Tutti i diritti riservati

sabato 2 agosto 2014

Adesso che chiude Artcafé...

Bel casino! La metà dei miei link portavano a quel sito, c'è la mia galleria di lavori completa dal 2010, c'è tutto quello che ho scritto, tutte le recensioni... mi rompe parecchio, ma perchè questa decisione???
Non ci sarà molta gente che piange, lo so. Ormai era un sito fermo. 

Rompe soprattutto, anzi soltanto a me, che lì ero una specie di star, ero diventata la dreamer che conoscete. Non dispiace certo a quelli che hanno abbandonato presto, perché bisognava fare gli esercizi e studiare, quindi era troppo dura...


Uno screenshot di una correzione del tutor di disegno, su alcuni miei personaggi come Pisolone e Faustino. Ne metto altri più avanti, tutti da lezioni su fumetto, disegno, colorazione ecc. 


Prima che scompaia, leggete una mia recensione: qui  "Tris di donne" valutazione di tre sceneggiatrici


Siccome poi sparisce, lo copio qua:
Dreamer, quanto a produttività, è una vera macchina da storie: fumetti, racconti, romanzi, appunti di marketing editoriale per timidi e più o meno qualsiasi altra cosa si possa scrivere. 


Fra ciò che di più recente ha pubblicato su questo sito ci sono alcuni assaggi de Il Mostro della Prateria – O Bugre, una storia ecologico-avventurosa piuttosto impegnativa, soggettata per uno sviluppo di ben quaranta tavole. 
     

La sceneggiatura è solida, sostanziosa e con ciò che occorre a una lettura gradevole e coinvolgente. Secondo me, tuttavia, il suo miglior pregio è un altro.




Per questa rubrica scelgo in genere storie che oltre a essere

 apprezzabili presentino anche aspetti potenzialmente utili

 come modelli, perché gli autori sono incappati in 

qualche problema con cui prima o poi tutti facciamo i conti, 

o perché (al contrario) hanno già trovato soluzioni 

delle quali approfittare.



 Quello che Il Mostro di dreamer 

può insegnare è a evitare gli schemi scontati e gli stereotipi,

 insidie da cui non sono immuni neppure gli autori di mestiere

 e che possono minare una buona trama, facendola crollare

 nel banale.


La vicenda narrata da dreamer prende le mosse da un villaggio

 nella foresta amazzonica, dove una tribù locale prepara una

celebrazione rituale. Il pericolo è enorme… per lo sceneggiatore

, poiché si tratta d’una premessa talmente sfruttata che 

basterebbe un nulla a convincere il lettore che si tratta 

della stessa situazione già vista un incredibiliardo di volte. 



Ma in un attimo la minaccia viene sventata: lo stregone 

ha allestito… una bancarella dimagliette commemorative 

fatte stampare per la cerimonia, e se da una parte si appresta a 

svolgere il suo ruolo tradizionale, dall’altra conta di fare 

qualche soldo con il turismo. C’è di più: nel prologo 

il protagonista si presenta dicendo “Mi chiamo  Paxù e sono 


un ventenne con un lavoro precario e una relazione complicata… 

Ah, un piccolo particolare: faccio parte di una tribù di indios”

Con poche parole tutto diventa normale, in quanto reale e 

condivisibile con la quotidianità del pubblico, ma assolutamente

 non banale. Un indio “vero” come personaggio principale 

non s’incontra tutti i giorni.



Il mio commento lo salvo, dai, giusto perché parla di tutti i lavori che sto seguendo:

Grazie dei complimenti sulla fiducia, visto che ancora un bel fumetto finito non sono riuscita

a sfornarlo, ma conto di riuscirci presto! Chi mi segue un pochino sa come disegno

 (e le storie brevi di re Pisolone o del piccolo Raffaello Sanzio, che trovate anche

 nel mio blog, sono già il massimo della mia arte scarabocchiatoria!) e il risultato

 finito dipende quindi purtroppo dalla realizzazione grafica. Trovare un bravo disegnatore

 che si accolli gratis le 40 tavole + 20 di prologo del mio Paxù è praticamente

 impossibile, almeno ancora non l'ho trovato. Volontari? 




E poi nel 2013, con la  balorda idea di fare la blogger, 

mi sono distratta tantissimo: ho all'attivo un 

romanzetto a puntate, una fanfiction, articoli di vario genere, recensioni, ma 

a parte le 16 tavole per "I Santi" create per Natale, non ho fumettato granchè. 

Molto molto più brave le mie colleghe, che hanno creato dei prodotti eccellenti. 

Grr, che invidia!!! C'è tutto il 2014 per provare a raggiungervi :)

 E ora rimbocchiamoci le maniche, e che sia anche per noi del sito

 l'anno della svolta! P.S. passate nella mia pagina!!!

Ma mi rompe
Mi rompeeee

Così ci arrendiamo, questa cosa scoccia a tutti, anche a Marco, a Cypernelli, a McKnife, agli sceneggiatori, ai disegnatori, non ci piace proprio. Speriamo di avere imparato abbastanza, di aver chiesto tutto quello che non era chiaro, di essere stati bravi studenti, anche se per la DeAgostini siamo solo clienti che ora non creano profitto, anzi tengono in ostaggio un sito che non ha corsi in edicola... e poi la gente adesso vuole i cupcakes e diamogli i cupcakes, per cui loro fanno quello che devono fare, cambiano i corsi, si buttano nelle cose più popolari, riciclo, pasticceria, cosette così... Il fumetto è un'arte invece. E nemmeno meritava di essere svenduto così (per mia fortuna l'ho imparato nel modo più giusto, attraverso lezioni serie, con professori in carne ed ossa, perchè i fascicoli non rispondono se hai una domanda...), è stata l'occasione di prendere anche io questa direzione, tardi forse, in un modo strano, ma è anche il bello di questa avventura. Chi se lo aspettava? Buona estate, torno presto :)