domenica 15 aprile 2018

Pensieri dopo l'incendio - colletta no

Colletta no, ma sì
Stamattina sono andata da mia mamma, mi ha portato all'orto e al cimitero, le ho chiesto di sta colletta (non c'è fretta, però ho bisogno di fare qualcosa, la vorrei aiutare) e insomma, ha fatto le storie... c'erano anche mio figlio e Andrea e loro hanno detto che tanto a me non mi aiuta nessuno (è l'abitudine, come dicono che i miei libri non li leggerebbe nessuno, per loro devo sempre lasciar perdere ogni cosa che faccio, non credono in me), che ci rimetto i soldi per aprire il conto, mi devono sempre prendere in giro...

Lo so che non dovrei prendermela, ormai si sa che hanno un'idea particolare di me, e non si sa su cosa si basa questa valutazione  perchè non sanno niente di quello che faccio, e con me non ci parlano... potrei capire e accettare se arrivasse dalla considerazione di quello che creo e che sono.

Comunque pazienza, mi sono detta, se per ora non vogliono i soldi dalla gente posso capire.
Il colmo è stato dopo! Arriva mia mamma: "le vicine hanno detto che faranno una colletta, loro conoscono tanta gente!" Ed era tutta contenta.
Adesso voglio capire la differenza tra i soldi raccolti da me e quelli raccolti dalle vicine, perché la mia colletta non va bene?

Sono scocciata e combattuta, mi serve un consiglio.  
Da una parte le direi  "arrangiati mamma, se non vuoi il mio regalo e il mio impegno"
Dall'altra è "cavolo, conosco tante persone anche io! E chi lo dice che loro sono capaci e io sono deficiente? Glielo farò vedere!"
Che faccio?

🍀🍀🍀

sono orgogliosa
Ecco, boh, so che mi scoccerebbe molto non provarci neanche, anche se fossero 10 euro alla fine... mi brucia troppo di essere considerata completamente inutile, non è bello...

ma poi è la zappa sui piedi, perché gran parte della spesa la pagherà mio marito, vuol dire che se mia mamma non vuole aiuti, alla fine ci saranno soldi in meno nella mia famiglia e per le mie cure


🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀

E poi ho deciso, ho scritto così, mi sembra buono:

“Per la colletta, è tutto molto chiaro, saprete tutto quello che viene ricavato e come sarà speso. L'idea è di pagare almeno la bonifica della soffitta, vanno eliminati i fumi tossici e tutto ciò che è bruciato, non è sano respirare quelle sostanze e lo smaltimento di quei rifiuti va fatto per forza, appena avremo dei preventivi vi diremo le cifre esatte.
Grazie delle parole di sostegno, fanno piacere e morale. Grazie anche delle donazioni, perchè incredibilmente - ma che brutte persone i tecnici!!! - gli euro sono l'unica cosa che accettano per le fatture :(  
Scherzo, ma ci tengo troppo ad aiutare in questa situazione, a sentirmi utile anche se sono fibromialgica e considerata sempre un problema, mai una soluzione.

Ditemi cosa posso fare per voi, nessuno impedisce che sia uno scambio di cortesie, anzi sarei più contenta. Scrivo, faccio ricerche, traduco, correggo l'ortografia e la grammatica, sono una specie di maestrina, poi mi piace l'arredamento d'interni e progettare soluzioni per la casa, posso insegnarvi la sceneggiatura per fumetti, i doodle (cornicette e disegni stilizzati come forma d'arte), le basi delle tecniche di autostima, ho interessi vari...

ho anche dei materiali di cui potrei liberarmi senza piangere troppo, appena mi metto in piedi cerco cosa c'è, ho molti giocattoli nuovi (li compravo di mio gusto, poi non piacevano, è difficile indovinare se li cresce qualcun altro), libri e fumetti mai aperti, vestiti eleganti mai messi, tantissimi piatti ancora nelle scatole (raccolte punti) potrei organizzare un mercatino... Pensateci e proponete, io intanto guardo cosa c'è di carino.

Beh, almeno non mi sento così imbarazzata come mi aspettavo. Quando anni fa, con la malattia che non guariva, pensavo al momento in cui avrei dovuto chiedere aiuto o vendere oggetti per mancanza di soldi, sembrava più terribile. Invece ho notato che la disperazione fa passare ogni vergogna. Sto solo cercando di fare il meglio possibile.

Nadia

Per fare una piccola donazione:
paypal.me/MariaAngelaIncendio
Oppure
Carta postepay 4023 6006 6200 0753
Di Maria Angela Franca”

Ma non lo so, non sto tranquilla finchè non avrò le prime donazioni. Sono idiota fino a prova contraria, per il momento. Serve qualcosa che gli chiuda la bocca, che li zittisca...

Nessun commento: