lunedì 8 gennaio 2018

FM - Programmare

💜Programmare - Nel nuovo vocabolario di Mariella questa parola è stata cancellata.
E nel vostro, esiste ancora?

Continuano i nuovi post 2018 per il blog e per la pagina di Fibro fumetto  

Quanto riuscite ancora a programmare impegni, lavori e svago?
Quanti appuntamenti cancellati o nemmeno presi per la paura (o la certezza) di essere troppo stanca per fare tutto?
Dopo il lavoro, riuscite ad avere una serata piena e attiva?
Se ancora lavorate (che spesso il lavoro è uno degli impegni che non si riesce a rispettare più) fate fanno tante assenze?
O comunque vi accorgete che serve troppo sforzo per riuscirci, che non è più una cosa normale?
Come cambia l'opinione della gente?


Siete viste come persone pigre, demotivate, svogliate, distratte?
Venite accusati di avere perso ogni interesse?
Vi state arrovellando giorno e notte, cercando di trovare un sistema di fare tutto e bene come una volta, e nonostante questo vi dicono che non ve ne importa niente?
Chiedete una mansione più leggera e il datore di lavoro vi obbliga a fare un lavoro ancora più pesante?
I colleghi scimmiottano i vostri movimenti "arrugginiti"?
Vi prendono in giro e sminuiscono la vostra situazione?
Protestano col capo per le vostre frequenti giornate di malattia e per le eventuali sostituzioni a cui sono costretti? 

Quando ne parlate con gli amici, vi dicono mai che altre persone di loro conoscenza con la fibromialgia però riescono a fare tutto?
Vi piace che facciano di tutta l'erba un fascio? Gli spiegate che ci sono gravità diverse, su fisici diversi, che non è standard, oppure accusate il colpo e lasciate che pensino che non avete voglia di lavorare?
Come prendete il fatto che molte persone leggono una rivista (una di quelle riviste che fanno disinformazione e che raccontano questa sindrome come una sciocchezza) e poi fanno le esperte con voi, pretendendo di sapere tutto e obiettando a quello che raccontate?



Come tollerate il fatto che alcuni medici non sono preparati sull'argomento e allora dicono che questa malattia non esiste? 
Vi spaventa di più quando vi mandano a casa senza uno straccio di cura, o quando - per non ammettere di non saperne nulla - vi propongono un mix di dieci farmaci scelti a caso? 

Avete la pazienza di sopportare che ogni genere di personaggi senta la necessità di esporre il proprio parere sulla malattia e su di voi?
E voi, come cambia la vostra autostima? Vi sentite falliti, inutili?
Oppure delle persone FORTI che stanno affrontando, tutto da sole, delle difficoltà enormi?
Accettate le nuove etichette che di danno gli altri, anche se sentite di non essere cambiati e sapete che ora vi impegnate e LAVORATE MOLTO PIÙ di prima? 

Rispondete onestamente. Siete portati ad ascoltare le critiche, vero?
Non è il caso, loro che ne sanno?
Nessuno può capire quanti ostacoli dovete superare ogni giorno. Nessuno ci è passato. E se è un "collega di malattia", non è passato nel vostro identico percorso.

Quanto pesa sapere che siete VISTI in un modo diverso?
Quanto vi rende tutto più difficile, il fatto che ci siano immotivati pregiudizi sul fibromialgico? (Perchè non dubitano così crudelmente anche degli altri malati? O tutti immaginari, o nessuno.)
Vi scoccia che vi si dica che fate poco? 

E se vi giustificate per un appuntamento da annullare, sono comprensivi o no?
A quel punto, se non lo accettano e si arrabbiano, allora vi sentite in colpa? Vi sobbarcate anche la preoccupazione di salvare l'amicizia, di farvi perdonare?

PERDONARE... ma di cosa? Di essere ammalati?

Magari a voi non importa (e lo spero!) forse siete superiori a certe discussioni, non badate a queste sfumature, agli sguardi, ai pettegolezzi. Se è così, molto bene, siete da imitare! Come fate? Come riuscite a non farvi ferire? Commentate qui sotto.
Se vi importa, allora leggete bene i commenti che arriveranno.


È secondario rispetto al dolore, alla difficoltà generali, lo so, però è un aspetto importante della questione, ed è una cosa su cui si può intervenire. Per stare meno male. 

di Nadia Semprini * dreamer
Nuovi post 2018 per il blog e per la pagina di Fibro fumetto  
https://www.facebook.com/Fibro-fumetto-sulla-fibromialgia-1425583781065504/

Nessun commento: