venerdì 13 novembre 2015

Fibromialgia - quasi anziani

Vi presento un gruppo che parla dei problemi che ci sono in famiglia.
Sottotitolo: non fate soffrire i nonni!!!

Non esiste famiglia esente dai problemi. Il mio gruppo però si occupa in particolare delle problematiche legate alla presenza di una persona malata cronica in casa. Ancora più in particolare una persona che soffre di stanchezza cronica, fibromialgia e sensibilità chimica multipla. Però per molti versi può aiutare a capire come relazionarsi con l'anziano, perchè queste patologie rendono vecchi anzitempo ed è una vita di acciacchi, di rumore che dà fastidio, di abitudini particolari... di rispetto, perché è il punto in cui si scontra la libertà del sano di fare come gli pare (fumare, profumarsi, tenere lo stereo a palla...) con le esigenze della persona sofferente per cui quei gesti significano fastidio e a volte dolore aggiuntivo.
Ad aggiungere problemi ai problemi, di solito né l'anziano né la persona fibromialgica vengono ascoltati, quindi non è neanche uno scontro ad armi pari. Se avete nonni in casa, genitori anziani, o siete grandicelli voi stessi, beh, può essere utile trovare una strategia per andare d'amore e d'accordo senza che chi sta già male soffra di più. Non vorrete far soffrire i nonni, spero!!! 

Ed ecco come si può risolvere la cosa:
in fondo, la descrizione ufficiale del gruppo

Su facebook ho un gruppo dedicato esclusivamente alle nostre problematiche, a cui potete iscrivervi. E' un gruppo non pubblico, per cui solo i membri vedono quello che c'è scritto e nessuno dei vostri amici di facebook saprà i fatti vostri. A dire il vero, alla fine sono quasi la sola a raccontare le cose, più che altro arrivano dei commenti, ma resta comunque un bel gruppo perché non vi vendo niente e se c'è qualcuno che infastidisce lo butto fuori senza tanti complimenti. 

E poi sono contenuti originali e di qualità, non vi copioincollo le solite frasette; i miei post sono reali, molto duri e taglienti, dico quello che c'è da dire e non ho nessuna paura. 
Anche nei confronti di chi mi sta vicino, dato che si parla soprattutto di famiglia. Senza cattiveria, ma con il giusto senso critico, è inutile che ci raccontiamo che va tutto bene e che la realtà che respiriamo ogni giorno non influisce sul nostro dolore; lo fa!!!

(Disegno di Nadia Semprini - Dreamer)

È una disgrazia, una malattia, è capitata. 
Facciamo del nostro meglio, facciamo il 500% e allora basta coi sensi di colpa. 
E zitto chi vuole darci responsabilità: sono cose che capitano, non se l'è cercata nessuno.

Nei confronti dei componenti anziani è uguale, anche se si è affettuosi e carini purtroppo non si possono immaginare certe cose, se non si è mai stati dall'altra parte, se non si è stati vecchi :) La mia esperienza, e il mio presente, sono una vita da anziana problematica, con limiti motorii, con la malinconia... e ci vuole un certo sistema per avvicinarsi a me, non dico che sia facile ma si può imparare, con un pizzico di buona volontà. 

Solitamente il fibromialgico e l'anziano sono considerati noiosi, non li si ascolta nemmeno, invece abbiamo tanto da dare e da dire (la vita non è fare le scale, è nel cuore e nell'anima e nessuno deve permettersi di considerarci inferiori), quindi il mio scopo è anche inventare un nuovo tipo di famiglia, che voglia bene al suo componente debole e che non lo tenga in casa solo per la pensione (poi ai fibromialgici la pensione non la danno nemmeno! O si impara presto ad avere rispetto o finiamo tutti in mezzo a una strada!).
Ci credo, che si possa migliorare l'ambiente familiare, non ci vuole poi molto.

E naturalmente bisogna anche chiedere allo Stato quello che è giusto, gli aiuti, le infrastrutture, i servizi, una serie di cose che sta trascurando da troppo tempo. Dal punto di vista pratico, non si riesce e non posso fare molto per voi. Ma si può creare un ambiente vivibile e sereno,che non sarebbe male.

descrizione ufficiale del gruppo
-In questo *GRUPPO CHIUSO* potete parlare tranquillamente di tutto, 
raccontare il vostro percorso, come è cambiata la vita... 
e i nuovi hobby, come si è ripartiti, 
condividete le gioie, i bei momenti, le risate...

- - l'attenzione va alle *FAMIGLIE* 
perché è tutta la famiglia a subire la disgrazia, 
bisogna trovare delle dinamiche nuove, 
accettare (specie i nostri cari, per i quali è tutto invisibile) una situazione diversa, 
che non sarà più come prima, o non lo sarà subito. 
Sono rapporti in cui spesso non si vogliono fare intervenire estranei (come gli psicologi), ma che senza un aiuto sono destinati a sgretolarsi. 
Sapete le incomprensioni, il sospetto, i dubbi, quanto male possano fare.

(Disegno di Nadia Semprini - Dreamer)

- - - Allora si può provare ad *AIUTARSI* tra noi. 
Vi racconto quello che ho fatto, i miei tentativi di ritrovare l'armonia. 
Voi portate le vostre esperienze, i consigli che vi sentite di dare Emoticon smile 
Tutti insieme, un grande abbraccio, la comprensione di chi sa cosa vuol dire, 
l'ironia di riderci su con Fibro e Mariella...

Ogni tanto farò un resoconto anche qua, di come procede nel gruppo. Ma vi aspetto, mi raccomando!


Poi vedrete anche le mie tante iniziative, ho un grande sogno per tutte... 
Continuate a seguire le mie pagine e questo blog e vedrete di cosa sto parlando. 


Fibro sulla spiaggia di Cattolica! 
(Foto di Nadia Semprini - Dreamer)
Articolo 26 di Fibro Life


Le immagini di questo articolo, se non specificato diversamente, sono disegni o fotografie di Nadia Semprini (Dreamer), tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione. Se desiderate condividerle, potete trovarle nella mia pagine facebook “Dreamer: storie e fumetti” e “Fibro fumetto sulla fibromialgia”, raggiungibili cliccando sulla barra in alto. 
Grazie della visita e arrivederci alla prossima passione su Dreamer Passion!

Nessun commento: