sabato 6 settembre 2014

Settembre, mese della casa


Le campagne vicino a casa (tocco fiammingo, io nello specchio, lol)

Forse per voi è il mese del rientro a scuola, al lavoro, il mese dell'autunno... però per esempio il dépliant del negozio di bricolage è d'accordo con me, perché dice: "Vacanza terminata, casa sistemata". Vabbè che per loro del negozio, ogni momento è buono! E anche per me, è una passione che non ha stagione...

Da qui si arriva ai volantini di bricolage, molto comodo averli tutti sotto mano... 

Infatti è una grande passione, per tutte noi donne di poco budget e grandi sogni... 

Su Pinterest ho scoperto migliaia di appassionate come me, rubriche di arredo, mobili, progettini fai da te, troppo bello! E' il mio mondo!!!
Ecco le mie rubriche di Pinterest, seguitemi. Imperativo, senza pensarci un attimo, fatelo.

Ho scovato questo e molte altri progettini vezzosi!!!

Oh, quanto adoro Color Splash sul 49, voi no? Una delle ultime stanze che ho visto progettare e montare. Le colonne di tronchi dovevano venire diverse, non quella stortura, ma è colpa dell'artista del legno, che ci vuoi fare? Mix di materiali su toni armoniosi, quindi all'occhio risulta gradevole. Non ci starei mai, in un salotto così, ma sono stati bravi. Preferisco le puntate coi progetti più colorati!!! Del resto, è Color Splash...

Già questo progetto mi piace di più. Per mettere i lampadari, David ha fatto impazzire l'elettricista: ha messo dei bicchieri per terra in corrispondenza dei punti dove li voleva montati... Voglio provarci anche io col mio, quanti secondi aspetterà prima di mandarmi a quel paese???

Se vi interessa il sito ufficiale di Fine Living, in inglese...

Ancora dal mio Pinterest, foto pinnate (si dice così, so che è bruttissimo!!!)



Tutto questo preambolo per dirvi che ho in mente nuovi progetti di decorazione, e un nuovo coraggioso assalto al mio archivio caotico! 

Riordinare ha la precedenza. Uffa. Non mi piace, ma saranno di stimolo e pungolo le fantastiche idee che ho trovato su Pinterest, su come abbellire la mia casetta. Delle trovate fortissime, facili e veloci, naturalmente low cost! Non vedo l'ora: gufi, scatole, quadri, cuscini...
Ho già scritto molto su queste nuove idee, su alcuni foglietti che comporranno un ulteriore articolo per questa bella rubrica chiamata Boh and Order. 
Il cancello della mia casa da single...

 ............ diy ........... arredamento ............ organizzare............storage............. ordine in casa...............

Su questo blog, vedi anche la pagina BOH AND ORDER

Qui scrivo perché mi serve il vostro sostegno morale: non so proprio cosa troverò! Regola d'oro per organizzarsi è "conosci quello che hai" (almeno così ho letto in un sito, mi fido), e per saperlo devo aprire, una dopo l'altra, queste scatole sparse per casa...

Al momento ho individuato due macro-insiemi: i progetti e il materiale per i progetti.
Adesso guarderò in qualche scatola e scoprirò che cosa avevo progettato con tanto entusiasmo. Boh? Non mi ricordo di certo! Quanti progetti troverò? Credo più di duecento! A dopo...

Ah ah, le mie foto al Brico! Che scema :) Chi si fa le foto al brico???

Però c'era roba carina, dai...

Il primo obiettivo è avere un pochino di ordine. Come qui sotto, almeno, in questa altra foto pinnata:

- Episodio personale: la moglie di Attila e il marito stressante

Avere un po' di ordine, sì. Senza che qualcuno, QUALCUNO (mio marito, ovvio) mi faccia le palle: "Guarda che casa! Guarda che casino, non ci si passa, butta via questa mondezza". Se avessi un laboratorio, terrei lì il mio caos creativo ma caspita qui ci sono solo due stanze!!! Molto logico, molto giustificata, eppure ci piango sempre ogni volta che me lo dice. E l'altra sera non è stata solo una breve crisi di pianto, abbiamo avuto "la moglie di Attila incazzata". E ho detto tutto...

Ho distrutto una decina di oggetti, spaccato uno sportello, sbattuto con tutta la mia forza le porte con l'intento di scardinarle (per fortuna non ho energie!), e tutto questo perchè avevo appena iniziato un lavoro e ho dovuto interrompere per i dolori sopraggiunti di nuovo, forti. Non potevo continuare, non potevo stare in piedi né seduta, ho preso tutto quello che c'era sul tavolo (della cucina, unica superficie utilizzabile per queste cose, ma è chiaro che poi ai pasti serve, non c'è un altro tavolo in casa) e l'ho appoggiato sul tavolino del salotto. Le piccole cose che dovevo organizzare nel cassetto, buttate alla rinfusa di nuovo dentro. 


Facile immaginare che nonostante le mie buone intenzioni, il risultato è stato un peggioramento della situazione, e lui mi sgriderà finché non sembrerà tutto in ordine. Sembrerà, è questa la parola chiave, basta che sembri a posto esternamente. Ma sono stanca di nascondere tutto negli sportelli, tutto mischiato, cosicché da fuori sembri ok. Devo lavorarci, datemi il tempo materiale, e lo spazio che serve per questo lavoro. Dove vado a dividerla la roba in categorie, in un cassetto? Dentro l'armadio? Ma lui è un brontolone dei più tipici e ripetitivi, non voleva nemmeno i panni sul letto quando facevo il cambio di stagione... scusa, dove appoggio??? Mentre si lavora, è normale che ci sia caos. Se è capace di fare diversamente mi spieghi.

Un assaggio dei miei metodi... ahahah! no, è una foto che ho trovato... Su Pinterest è forte, le foto ti mandano al sito relativo, non sto a mettere i credits li vedete là, se vi interessa. Miauuu
link a questa foto, nella mia rubrica P "dreamer - new diy ideas"

Questa volta mi sono arrabbiata tantissimo, unico mio pensiero le critiche che sarebbero arrivate. 

Non sono state immediate, ma sono arrivate, a un giorno di distanza! Che palle!!! E lasciami fare. Ho detto a mia figlia: "Cosa ti avevo detto? Hai visto che lo ha detto? Piangevo per un motivo! Tu credevi che non avrebbe criticato, ma io lo so..." Ci sto male, mi dispiace, ma nemmeno ho la bacchetta magica. Qualsiasi altra donna di casa, anche sana, credo che faccia confusione quando riordina e pulisce. Come fai a pulire senza togliere gli oggetti da armadi e sportelli? Come fai a riorganizzare se non vedi cosa c'è? 

La cucina, per esempio, l'ho già sistemata, dammi tempo... 
[tutto il progettone in un post, prossimamente, devo solo copiare da P e facebook]
è tutto carino, basterebbe alzare gli occhi, no? Lui vede solo il lavandino pieno di piatti da lavare. 
La prossima volta mi compra la lavastoviglie...

Questa paretina che separa cucina e sala è venuta così bene, così leggera e chiara... Ma nemmeno un complimento, zero.

Anche la nicchia mi sembra venuta bene, non so di cosa si lamenta, c'è meno roba mia (penne colori etc., mi sacrifico e lo rendo più scomodo per me) e più spazio per frutta e cose da cucina. No, non ha apprezzato... Sono stanca, si accorge solo delle cose negative, non ho bisogno di un affossatore di morale, mi avvilisco già benissimo da sola :)

 ............ fai da te ........... arredamento ............ organizzare............storage............. ordine in casa...............

Ma qui i lavori sono più lunghi che altrove, lo so, e appena mi vede "fare arte" (se metto a posto o pulisco, aggiungo sempre un tocco di novità, che sia una scatolina nuova, o un quadretto incorniciato, mi stimola a fare un lavoro che diversamente odierei) mi stressa con frasi tipo: "Invece di fare quello, perchè non stiri /lavi i piatti/ fai una lavatrice/ fai la spesa/ pulisci il garage/ vai su Marte..." E' lampante che sono tutte cose impossibili, dalla prima all'ultima, ho così poca forza che non sto in piedi, che vuoi da me? Riordinare è un'attività molto più leggera, da fare seduta al tavolo, comodosa...  

Foto dei lavori in corso. Agosto. Il mese che ho avuto quella bruttissima reazione a un farmaco, il mese che ho passato a letto. Mi sembra di aver fatto abbastanza, per come mi avevano lasciato la casa, e per come stavo male, ma non basta mai...

Qui entrerebbero in gioco tanti altri motivi e discussioni, dovremmo parlarne nel mio gruppo facebook, di questi mariti che spingono e stressano per farci essere donne sane e produttive, ma non dipende mica da noi. Puoi spingere quanto ti pare, non cambierà niente. Ma io sarò enormemente più stressata e nervosa, cosa che acuisce i dolori. Mi sembra controproducente, ma continua a farlo, non la capisce...  

Basta altrimenti mi innervosisco un sacco, stavamo parlando di cose belle, della casa!!! 
pinnata nella mia rubrica "Home Sweet Home"

Non usciamo dal topic: settembre mese della casa. E alla fine, dopo una breve riflessione, ne sono convinta. E' proprio il mese in cui penso di più alla casa, assieme a gennaio (che sa di nuovo inizio e un buon proposito ci sta sempre bene). Anche gli altri anni mi ero sforzata di creare un ambiente più confortevole per la famiglia, specie di questi tempi che inizia la scuola!

Una data che non sento molto, perché poi lo so che i miei figli staranno molto tempo dalla nonna, è più comodo per loro, per il pullman e per gli amici, quindi va bene... certo che mi mancano, quando non tornano neppure la sera! Comunque preferisco che stiano in buona compagnia e che ci sia sempre un pasto pronto, è una cosa che io non posso garantire. Se vi chiedevate come faccio, con una famiglia di 4 persone e una malattia tanto bastarda, la risposta è che mi faccio aiutare. Non ce la si fa. Punto. 


 ............ diy ........... arredamento ............ organizzare............storage............. ordine in casa...............

C'è quindi una piccola differenza, quest'anno. Non è per la scuola. Il progetto casa parte da altre motivazioni. Pratiche. Artistiche anche. Non trovo il mio materiale, devo capire cosa c'è e cosa effettivamente mi serve. Per questo sto tirando fuori tutto. Non riesco più a lavorare, non si trova niente, né strumenti né disegni, appunti, storie. E' il caos più totale. Mi innervosisce dover andare piano, con tempi da lumaca, questo è irritante per tutti, ma voglio farlo. Voglio farlo lo stesso, non vado a ricomprarmi tutti i pennarelli solo perché non li trovo. Li cerco. E' una soluzione piuttosto logica, no? 

Ma qui mi vedono come una pazza...  se avessi un mio studio, una mia stanza da sbroglio (come si dice qui), anche la stanzetta dove si stira, in molte case c'è una stanzetta orfana, no? Qui i cm cubi sono contati, ed è terribile non potersi appoggiare da nessuna parte. Appena approdo su una superficie da lavoro (o il tavolo della cucina o la scrivania dei ragazzi, non c'è altro), mi dicono di mettere via la mia mondezza, non ne posso più!!! Ormai, dopo dieci anni che mi dedico a questi passatempi da reclusa (l'arte terapia fa tanto chic, nei migliori reparti di salute mentale!) dovrebbe essere chiaro che mi serve dello spazio. "Ma se è tutta roba tua..." Non credo proprio, avete idea di quanti documenti e quanti giocattoli e quante foto e dvd, videogiochi, peluche, libri, ricordi fisici (souvenir, bomboniere, coroncine della comunione, biglietti d'auguri dall'asilo, manufatti dei bimbi) ... di quanta roba sia della famiglia tutta? Quello che intendo fare è creare ordine, e la prima fase è la più brutta a vedersi: divide et impera. Sort, cioè classificare, organizzare... a forza di pin ho imparato - rinfrescato-  troppe parole inglesi! Quasi quasi penso prima in inglese e poi devo tradurre!!! 
Il post mi sembra di una lunghezza soddisfacente, vi rimando ai prossimi post specifici, uno per progetto. Che poi forse tornerò a linkare qui. Spero di ricordarmi. 

 ............ diy ........... arredamento ............ organizzare............storage............. ordine in casa...............

Post recenti che potrebbero interessarti:
stop and go partenze e interruzioni, ma alla fine si vince

Nessun commento: